Autismo

 

L’ autismo è una complessa patologia che coinvolge sfere importanti come salute mentale e disabilità e si manifesta, (seppur attraverso un ventaglio di gravità estremamente variabile tra soggetto e soggetto), compromettendo qualitativamente i comportamenti, gli assetti relazionali e comunicativi delle persone che ne sono affette. Tale eterogeneo e multiforme quadro patologico ha ripercussioni sociali importanti che coinvolgono non solo i soggetti direttamente affetti, ma anche le loro famiglie.
Da più parti si insiste sulla necessità e sul bisogno di una “presa in carico” capace di difendere e proteggere per tutto l’arco della vita data la ormai appurata consapevolezza che l’autismo è una patologia dalla quale non si guarisce ma sulla quale si può intervenire.
L’autismo non è dunque solo infantile al contrario, il suo perdurare per tutto l’arco della vita, fa si che esso manifesti le sue maggiori problematicità soprattutto nel difficile passaggio all’età adulta quando, la mancanza di appropriati servizi o cure adeguate e la generale mancanza di aiuti capaci di offrire programmi individualizzati e progetti futuri crea un impatto destabilizzante sulle famiglie che inevitabilmente vengono afflitte da un drammatico stato di solitudine.
Queste esigenze hanno spinto due famiglie Fornino e Valmori (entrambe con un figlio autistico) ad unire le loro forze allo scopo di creare una struttura capace di alleviare la sofferenza e la solitudine rispondendo al disagio attraverso una adeguata “presa in carico”.

CENTRO SOCIO RIABILITATIVO RESIDENZIALE (C.S.R.R.)

Il Centro Socio Riabilitativo Residenziale suddiviso in due strutture di n°8 e n° 12 posti letto, ha capacità ricettive per un totale di 20 persone.
La finalità del servizio consiste nel promuovere la qualità di vita degli ospiti, mantenendo e migliorando le capacità già presenti e incentivando i vari livelli di autonomia attraverso attività individuali e di gruppo in un contesto che ne garantisce prima di tutto il benessere psicofisico.
Il Centro è stato strutturato come un luogo nel quale ognuno ha la possibilità di sviluppare e/o accrescere le proprie capacità manuali, sociali, cognitive e comportamentali attraverso l’impiego di risorse interne ed esterne. In tal senso, lo sviluppo personale, le relazioni interpersonali e l’inclusione sociale completano il Progetto Educativo proposto per ogni ospite allargando la dimensione progettuale verso un progetto di vita complessivo che persegue l’integrazione sociale nel territorio, con la partecipazione ad iniziative culturali, sportive, sociali, educative in rete con le agenzie del territorio, le associazioni, il volontariato e di concerto con le famiglie.